.
Annunci online

LEONCA36

A PENSAR MALE..........

diario 26/5/2013

A pensar male a volte c'azzecca, Diceva uno che aveva esperienza a riguardo, per averlo fatto come lavoro quotidiano. Se rifacessimo la storia, del nostro paese, negli ultimi venti e più anni, ci accorgeremo quando sono iniziati i guai.

La maledizione non ci è piombata addosso tutto un tratto, è stata studiata a tavolino, inequivocabilmente, da menti malavitose e criminale.

Credo che grosso modo quello che si dissero è questo: per avere il controllo del paese cosa bisogna fare? Acquisire il controllo economico illegale è legale, quello illegale già sappiamo come si fa, quello legale ci dobbiamo attrezzare.

Come si attrezzarono?

Puntando su uomini già nell'aria politica, del business, e dei media. Credo non ci sia bisogno fare nomi per capire chi sono questi nomi, basta scorrere la storia ed i fatti accaduti in questo lasso di tempo menzionato.

Ai primi anni novanta il governo fece approvare una legge che liberalizzava il gioco d'azzardo, sembrò una libertà, almeno così l'ha presentarono. Invece fu la parola "sesamo" quella che aprì la porta, ad Alì, al tesoro dei 40 ladroni.

Un imprevisto stava per cambiare le aspettative dei malavitosi. Uno di questi cadde nelle mani della legge. In breve la scena politica ebbe uno scossone travolgendo tutta la vecchia politica. A quel punto urge correre ai ripari, fare accedere alla politica uno che già aveva le mani in pasta, e che già usufruiva dei loro servizi.

Ancora una volta è inutile fare nomi perché credo che anche le pietre di tutto il paese conosce questo nome.

La sua ascesa è fulminea, ha alle spalle la più grossa organizzazione malavitosa mondiale, è la più efficiente rete di comunicazioni del paese, senza contare illimitatezza economica sua e di chi è alle sue spalle.

Aggregando mezze tacche di uomini politici, tutti i fuoriusciti da partiti condannati a dissolversi sotto il maglio della legge, mise su un suo partito. Sappiamo dove ha condotto L'italia e quanto ha impoverito la maggior parte degli italiani. Sappiamo anche quanto più si è arricchito lui.

E' non è finita qui, il perché lui vuole comandare ancora la politica del nostro paese è per non permettere che si cambino le leggi che lui ha fatto approvare dai suoi scagnozzi. E' qui si ritorna da dove tutto cominciò, a quella famosa legge che liberalizzò il gioco d'azzardo.

Oggi, se si abolisse quella legge, i malavitosi è il loro braccio operativo nella legalità, perderebbero decine se non centinaia di miliardi di euro all'anno. Ditemi voi se questo non è un buon motivo per rimanere sempre all'apice del comando politico.

Se qualcuno avesse qualche dubbio, si informi chi sono le società interessate nel gioco d'azzardo!





permalink | inviato da leonca36 il 26/5/2013 alle 10:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Blog letto1 volte

Categorie
tags
costume e politica c'è chi lo chiama amico difesa di un fallimento
Link